Odontoiatria conservativa
L’odontoiatria conservativasi occupa delle lesioni a carico dello smalto e della dentina dei denti (in principale modo dovuta a carie, ma anche a traumi) e della restaurazione conseguente del dente.

Igiene ed odontoiatria preventiva
E’ la branca dell’odontoiatria che si occupa della motivazione all’igiene del paziente, insegna le tecniche corrette di spazzolamento ed uso del filo interdentale. Si occupa inoltre di interventi atti a migliorare la salute orale (rimozione del tartaro, piccoli interventi parodontali).

Endodonzia
Come la conservativa si occupa delle lesioni dei denti, ma a livello della polpa all’interno degli stessi, dove risiedono le terminazioni nervose. Agisce quindi sullo svuotamento dei “canali” dei denti, sulla disinfezione e sagomatura dei canali e sul loro successivo riempimento con materiali appositi . Lo scopo è rendere impossibile la riproduzione dei batteri nei canali stessi, fallendo il quale scopo il dente è predestinato ad un granuloma, che può complicarsi successivamente in un ascesso dentario. Una endodonzia (detta anche terapia canalare) è invece la terapia primaria per eliminare granulomi, e anche cisti, (rilevabili con lastrine radiografiche endorali o ortopantomografie).

Odontoiatria pediatrica o pedodonzia
La pedodonzia si occupa dell’odontoiatria rivolta ai bambini, con particolare attenzione alla prevenzione ed alla ricerca della collaborazione dei piccoli pazienti.

Ortodonzia
L’ortodonzia è quella branca rivolta alla correzione di malposizioni dei denti, causate a volte da insufficiente o eccessivo sviluppo o posizionamento di uno o di entrambi i mascellari, o dei singoli denti. Spesso viene richiesta per motivi estetici, ma il suo scopo è fondamentalmente quello di ristabilire una corretta funzione masticatoria della bocca. Esistono due grandi famiglie di trattamenti ortodontici. L’ ortodonzia fissa, in genere usata in pazienti adulti o in ragazzi in dentatura permanente, si avvale di apparecchi che solamente il dentista può togliere e, con forze meccaniche di fili ortodontici, molle ed elastici, permette il riposizionamento dentale. L’ ortodonzia funzionale e/o ortopedica, che si usa in pazienti in crescita, impiega apparecchi in genere rimovibili, e si avvale delle stesse forze muscolari per guidare lo sviluppo delle mascelle e favorire il corretto riposizionamento dei denti. Molto spesso un trattamento ortodontico può essere composto da due fasi di trattamento: la prima funzionale/ortopedica e la seconda ortodontica con apparecchiatura fissa. L’ortodonzia fissa si avvale eventualmente anche di estrazioni “strategiche” di elementi dentali sani, allo scopo di creare uno spazio indispensabile al buon riposizionamento dei denti malposizionati.

Chirurgia odontostomatologica
La chirurgia odontostomatologica si occupa delle estrazione di denti molto malati o distrutti che non è possibile salvare con altra terapia (per es con la endodonzia), estrazione di residui radicolari; rimozione di radici o di denti rimasti inclusi o semi-inclusi nell’osso come gli “ottavi in disodontiasi”; asportazione dell’apice del dente coinvolto in processi infiammatori quando non trattabili con la sola endodonzia, asportazione di cisti e piccoli tumori e neoformazioni del cavo orale.

Inoltre piccoli e grandi rialzi del seno mascellare, per aumentare lo spessore dell’osso in sedi implantari, eseguiti con inserimento di osso sintetico (bio-oss) o autologo ( prelevato dalla sinfisi mentoniera del paziente).

Protesi dentaria
Si occupa di sostituire elementi dentali mancanti con manufatti più o meno estesi. Comprende: una Protesi fissa su elementi dentari naturali e/o artificiali (v. impianti e implantologia); una protesi rimovibile parziale (quando rimpiazza solo una parte di denti assenti) o totale (quando rimpiazza una totale assenza di denti su una arcata o su entrambe, superiore ed inferiore)

Implantologia
Sostituzione di elementi dentali compromessi o già mancanti, con impianti in titanio attraverso un intervento chirurgico. A guarigione avvenuta (processo di “osteointegrazione” dell’impianto) èpossibile alloggiare nell’impianto (invisibile in bocca) un perno-moncone (visibile in bocca), quest’ultimo viene utilizzato come appoggio di protesi fissa o anche di protesi rimovibile (contribuendo alla sua stabilità e ancoraggio).

In pazienti selezionati viene eseguito il carico immediato all-on four.

Parodontologia
La parodontologia è quella branca che si occupa della diagnosi e del trattamento delle patologie che affliggono il parodonto (organo di sostegno dei denti naturali, cosituito da :osso alveolare, cemento radicolare, legamento parodontale, gengiva. Le cause delle malattie parodontali sono batteriche, traumatiche, metaboliche. La causa prevalente della malattia parodontale è essenzialmente batterica, dovuta spesso a scarsa igiene orale, a tecniche di spazzolamento non adeguate o a malposizionamento dentale.Interventi chirurgici quali lembi a riposizionamento apicale, courettage a cielo aperto e innesti di gengiva risolvono in modo soddisfacente le patologie sopra descritte.

 

Medicina estetica dei tessuti periorali e del volto

La medicina estetica è una nuova branca medica che si occupa di migliorare la qualità della vita di chi vive a disagio per un inestetismo non accettato. Realizza fondamentalmente un programma di prevenzione dell’invecchiamento generale e di quello cutaneo in particolare e si occupa poi della correzione degli inestetismi del viso e del corpo esempi ne sono l’iniezione di tossina botulinica (botox) e di acido ialurionico (filling).